27
Aprile
2012

Il Mese del Kusari - 4

Jutsu e nel Kusari

masakiIl primo incontro con la Pratica del Kusarijutsu può essere traumatico.
E' un'Arte affascinante, ma anche complessa, difficile, dolorosa: essa rappresenta realmente un'amplificazione - di capacità, ma anche di errori.

Le Scuole che oggi praticano il Kusarijutsu sono pochissime, e nella maggior parte dei casi si riferiscono a qualcosa che appare più legato al , che al JUTSU. In ciò, in fin dei conti, non si possono che trovare contraddizioni, più che purezze.

Il Kusarijutsu, la sublime Arte della Catena, non si merita una seppur comprensibile standardizzazione in Kata precostituiti ove Uke e Tori sanno esattamente cosa fare, o almeno non solo.
Il Kusari si pone lo scopo di intercettare attacchi, di eseguire tecniche "furtive", fratturando ossa, comprimendo vene o gangli nervosi; le posture -Kamae- non vanno irrigidite, non vanno secolarizzate.

Il concetto di libertà è uno dei più fraintesi nelle Arti Marziali. Per i detrattori, la "libertà" è pochezza - di cultura, di insegnamenti, di tecnica; da un altro punto di vista la "libertà" è stata usata come pretesto da alcuni per "inventare di sana pianta" tecniche e concetti senza alcun fondamento, magari in opposizione a quelle "Arti Marziali" che possono vantare secoli di cultura alle spalle.
In realtà la "libertà" di alcune (poche) Arti Marziali, fra le quali dobbiamo annoverare il Jūtaijutsu (ed il sottoargomento del Kusari) è un punto di arrivo, un approccio metodologico che è lo sviluppo naturale di uno studio tecnico però rigoroso e con fondamenti tradizionali.
In altre parole, questo concetto di "Arte" non è molto distante dalla musica, o dalla pittura: dopo aver acquisito - con lungo e faticoso studio - le "note" o le tecniche fondamentali, è poi possibile "creare" e "legare" gli elementi in maniera libera e potenzialmente innovativa. Alcune Arti Marziali Tradizionali non affrontano affatto questo ultimo gradino evolutivo dell'Arte, forse perchè, a ragione, è in assoluto il più difficile, il più fraintendibile, il più pericoloso senza la guida di un Maestro degno di questo nome.

E' opportuno ricordare il perchè il "Jutsu" si sia andato via via trasformando in "". Alcuni studiosi fanno risalire questa trasformazione in maniera diretta al periodo Meiji. E' in effetti questo il periodo nel quale possiamo vedere la definitiva scomparsa dei "Jutsu" e l'avvento dei "nuovi ", ma è da considerare con attenzione anche il ruolo fondamentale del lungo periodo "pacifico" Edo, o Tokugawa, che ha notevolmente contribuito alla "decadenza" delle arti guerriere e alla loro trasformazione in "Vie" individuali. Alla "guerra" vera e propria si è andata sovrapponendo la politica e l'urbanizzazione della società.
Nel far sì che le antiche Arti potessero in qualche modo sopravvivere, è stato necessario modificarne una parte, rendendole più adatte alla trasmissione, e "irrigidendole" per preservarle: i "kata" propri di alcune Arti Marziali, sono metodi molto efficaci di trasmissione, e al tempo stesso di protezione/valorizzazione del proprio contenuto.

Fatta questa premessa, appare indispensabile però essere consci che tutto ciò che valica i confini del Kata non è "altro"-dalle Arti Marziali più pure. Esistono, infatti, alcune Tradizioni che desiderano discostarsi dalla visione per la quale l'Arte "pura" è esclusivamente quella legata al solo Kata.
Nel Jūtaijutsu la tecnica c'è e viene tramandata, ma il passaggio successivo è l'utilizzo del principio in maniera libera e senza schemi preordinati. Come corpo e mente, bianco e nero, la forma e la sostanza, la tecnica e l'arte non possono esistere l'una senza l'altra. Questo è uno dei fondamenti del Jūtaijutsu.

Si ringrazia Shihan Christian Russo per aver concesso la foto del Masaki Ryū Manrikigusari di periodo Edo, appartenente alla sua collezione.

Categories: Jutaijutsu Kai

Comments (0)

Leave a comment

You are commenting as guest. Optional login below.

Newsletter

EMAIL
Nome
Cognome
Città

Autorizzo al trattamento dei dati inseriti ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003) I dati saranno utilizzati ai soli scopi associativi e non verranno ceduti a terzi.


Iscrivimi

Contattaci

per maggiori informazioni:

Lungo Dora Colletta 51
10153 - Torino (TO) ITALY
FAX: +39 011 043.16.57


N. di tel. della segreteria: 011.24.85.659
C.F. 940 326 000 10


Contattaci

Copyright © 2012 Jutaijutsu-Kai | Arti Marziali | Martial Arts. Tutti i diritti riservati.
Jutaijutsu-Kai ® è un Marchio registrato di proprietà dell'A.S.D. TAO
C.F.: 940 326 000 10